Report PPTQ Vittoria

modificato 21 August in Il centro
Scrivo questo report pensando che possa interessare a qualcuno. per esempio a me tra qualche anno.

Ci sono giorni in cui tutto sembra andare storto e poi ci sono giorni in cui va tutto storto…

il mio preptq inizia sabato sera verso mezzanotte quando Birtino (di cui abbiamo una diapositiva mentre ruba il natale) che mi doveva accompagnare dopo essere stato titubante in quanto non voleva fare il viaggio solo in 2 persone, improvvisamente si convince e mi telefona dicendomi con sicurezza “ma si, famo na cosa diversa: andiamo a farci bastonare che ogni tanto ci vuole”. Da sotto le coperte abbracciato al mio fetentissimo cane, a sul tavolo per preparare il mazzo. Ho un grosso problema: manco di drop a 1, il deck seppur con alcune varianti rispetto alle liste tradizionali degli Abzan, è pronto, ma non sono riuscito a trovare sufficienti drop a 1, dovrei mettere 4 Guardiani del primo albero, ma ne ho solo 2 e sembra essere impossibile trovarne altri.

Aggiungo un “Avvolgere nella seta” e una “Spora vescicolare”. Un po di side contro mazzi controllo ma mi aspetto un meta solo di Abzan e Jeskai e per quanto mi scervelli non ho idea di come rispondervi, per fortuna il cervello lavora nelle retrovie e senza che io me ne renda conto minimamente, mi passa l’idea giusta: ci rinuncio.Memore del precedente pptq in cui avevo incontrato il Pignolo, procurandomi un warning per le shields danneggiate, faccio anche un bel check delle mie buste per assicurarmi che siano tutte in buone condizioni. Stremato e con un mal di testa scioccante mi corico verso le 3 sapendo che potro’ dormire solo 4 ore per riuscire a fare tutto la mattina seguente.  

L’alzataccia, il cane a spasso, l’attesa sotto casa del lentissimo Birtino il viaggio, le liste in macchina gli autovelox

… e finalmente con appena 20 minuti di ritardo arriviamo a Vittoria (RG) alla Fumetteria Bar C4, posto veramente delizioso i miei più sentiti complimenti al nostro cordiale ospite Giuseppe che ha messo su questo splendido locale, spazioso accogliente, arredato con gusto, e ben organizzato.
Ho quindi anche il tempo di effettuare un paio di scambi e così mi procuro un Guardiano del primo albero (foil ahime) e un Kytheon eroe di Akros come quarto drop a 1 in assenza del quarto guardiano.Svolte le formalità di rito inziamo…

Quando tutto va a rotoli o anchequel momento in cui “dopo 40 min di partita ti rendi conto che il tuo avversario oltre il bianco e il nero gioca anche un negate che sta per farti il culo”

Decidiamo subito di attenerci al piano, cosi mi pianto immediatamente a 2 terre mentre l’avversario si diverte con il mio corpo inerme, Lui gioca un mazzo apparentemente bianco e nero di sole spell con qualche hangarback molto originale e al secondo round le cose sembrano essere più equilibrate anche se ha calato Narset li per li non ci faccio molto caso poiche’ gioca solo spell nere e bianche. Narset gli fallisce miseramente garantendogli una pescata solo al quinto tentativo, ma questo non gli impedisce di causarmi enormi problemi eppure in qualche modo reggo, vedo finalmente un Giideon al momento decisivo ma lui esce un negate da una tango land e mi da il colpo di grazia.

A discapito di Narset, questo ragazzo arriverà cmq in top 8 con il mazzo più originale del torneo. Nel frattempo Birtino dopo aver vinto facilmente il primo round si fa massacrare negli altri 2. Risultato: siamo pairati contro alla seconda partita. Al primo round mi disintegra (a quanto pare vincerà tutte le prime partite del suo torneo) poi al secondo e al terzo round non riesce a fixare bene il mana e quindi perde quei turni preziosi che mi consentono di avere la meglio. 2 a 1 per me. Ma l’umore è ai minimi storici.

I Gideon degli altri.
Gideon, alleato di Zendikhar, una carta estremamente forte e versatile un vanto dei moderni mazzi abzan, peccato che i miei siano temporaneamente in vancanza su Kamigawa, non presentandosi praticamente per tutto il torneo. Quelli degli avversari invece sono tutti operativi, e le mie partite successive saranno tutte incentrate sul mettere KO i vari Gideon che si succederanno incessantemente  sulle boards degli avversari, eppure sorprendentemente mi scopro in qualche modo in vantaggio sugli altri abzan che come previsto affollano la sala. Sara’ il doppio avvolgere nella seta che e’ la rimozione migliore contro di loro, sara’ che gioco piu’ volanti con Drana e sono quindi in grado di assestare danni preziosi extra, sara’ che ho meno fetch e sono sempre su di punti vita a parità di giocate, sara’ che gioco i comandi e i talismani solo per fare dei 2x1 o piuttosto non li gioco, sarà che contro di loro imposto un gioco più da control che da aggro, certo è che improvvisamente mi rendo conto che nei mirror non ho particolari difficoltà. Vedo i miei avversari sidare decine di carte, è ovvio mi dico aspettandosi un meta piena di abzan prepararsi un side apposta per gli abzan, eppure guardo e riguardo la mia side vado per mettere qualcosa ma poi ci ripenso sempre e gioco senza side nudo e crudo e la partita si fa sempre piu’ in discesa.Sorin fa il suo gettone presenza in ogni partita. entra mi fa reccare i punti vita necessari e viene subito schiantato. Kytheon mi regala una vittoria flippandosi in un momento cruciale e stappando un hangarback di troppo. Drana fa il suo sporco lavoro volando sopra le file nemiche.Assesto 2 vittorie sofferte per la continua minaccia dei Gideon degli altri, ma di fatto  facili sul piano strategico. E mi rimetto in carreggiata sono a 9 punti e in teoria se pattassi sarei dentro matematicamente, ma sono pairato con uno a 7 che deve giocare per forza e quindi devo lottare fino all’ultimo.

Il Pignolo
C’e’ ne è almeno uno in ogni pptq ma è tutt’altro che scemo, è solo il Pignolo. Questa specie invasiva non e’ malvagia in se ma è cresciuta in ambienti estremamente competitivi dove la gente è abituata a lamerare anche quando giocano a CUCU’, e pertanto per difesa si e’ educato ad usare tutti i mezzi legali in suo possesso per cercare la vittoria.Il Pignolo si trincera dietro il paravento della legalità per non sentirsi stronzo quando ti chiama lo slowplay perche’ hai sfogliato due volte il grimorio completamente alla ricerca della terra da fetchare, o si lamenta perche’ non capisci che il suo gesto del pollice significa che ha passato.Egli non capisce che qualcuno possa giocare buste un po vecchiotte semplicemente perche’ non gli va di sprecare soldi in accessori e non per barare.Ignora il fatto che c’e’ gente che crede nella meritocrazia e soprattutto non concepisce il mio assoluto disprezzo per simili atteggiamenti deboli (quali appigliarsi a ogni cavillo pur di strappare una vittoria). In questo pptq il pignolo gioca un mazzo Abzan (sai che novità) tipologia megamorph (ovvero gioca anche i raptor ma non riusciranno mai a rientrare dal cimitero). La partita è combattuta ma gli sto chiaramente sopra. Dal secondo match pero’ inizia a pressarmi e a farmi fretta e io come una pera cotta ci casco accucchiando errori su errori e perdendo cosi miseramente tutti e due i match successivi. Gli dico che se non mi avesse pressato avrei vinto, lui non mi crede e minimizza. Sembra proprio una giornata no, sono a nove punti e il sangue mi si gela nelle vene.

Quando il tempo sembra rallentare

… e invece sono dentro a sorpresa ultimo della fila ma sono in top 8 e in top 8 come forse qualcuno si ricorderà non c’e’ limite di tempo e io con la calma rendo il massimo. A voglia di spiegare ai giocatori e all’arbitro che il mantra dei judge “Play good, play fast and communicate” è un emerita boiata, che non tutti hanno il tempo o la fortuna di poter fare test a sufficienza per ottenere tutti gli automatismi del caso, e che comunque Magic è un gioco troppo ricco di variabili per giocare in fretta. In top non c’e’ tempo ed è tutta un altra storia.  

La Top 8
Nei quarti di finale sono pairato contro uno dei pochi mazzi originali del torneo ovvero un mazzo monogreen Eldrazi leggermente modficato. Non sono per nulla preparato, di quinto mi gioca Ugin e a seguire Ulamog, sfoltisco il mazzo un paio di volte solo per il piacere di vedere Ulamog in azione prima di passare al secondo match. A questo punto finalmente sfrutto la side, mettendo dentro 3 costrizioni e qualche robettina esiliante, ma contiamo solo le costrizioni che saranno l’unica cosa della side che vedro’. E’ il tipico caso in cui una semplice carta a un mana fa una differenza sull’intera partita. Inizio il secondo match di costrizione e vedo Atarka signore dei prosciutti. Gli faccio scartare un accellerino e pianifico la mia strategia in base alla sua mano: deve calarlo sprecando il suo effetto, deve andare mana out per farlo e devo poterglielo eliminare istant. Dopo qualche turno rifaccio costrizione per assicurarmi che si attenga al piano e quindi mi preparo: lascio un anafenza come esca e attendo il suo settimo mana. Ci pensa un po su e poi si decide cala atarka per spaccarmi anafenza, ma io sono preparato, e mi sono tenuto 2 talismani in mano, 1 per salvare anafenza mettendogli 2 segnalini e 1 altro per esiliare atarka. Il round e’ mio. Nel round successivo stesso copione: costrizione mi consente di guardare la sua mano e di impostare un gioco aggressivo come di rado riesco a giocare e vinco facilmente.Sono ai quarti e sono nuovamente contro il Pignolo, bramo vendetta ma sono anche nella pace zen senza tempo della top e iniziamo la solita partita io contro tutti i Gideon dell’avversario.Lui hangarback, gideon e anafenza,  io anafenza e hangarback quando improvvisamente fa capolino Drana Liberatrice di Malakir, lui non fiuta il pericolo e mi esilia anafenza io a fine del suo turno uso un comando di dromoka per suicidare il mio hangarback sul suo anafenza. E’ la mossa vincente Drana + 4 totteri = 10 danni volare. Resta traumatizzato e mette di side almeno 4 rock compagno d’ala per coprire il reparto aereo, io guardo ancora una volta la mia side e ancora una volta la ignoro sconsolato. Iniziamo il secondo match e lo sto incalzando pericolosamente, ma sentendosi braccato si risveglia la sua anima da Pignolo: “Judge, cosi’ non perche voglia insinuare nulla, ma quella bustina e’ giocabile (indicando una bustina lievemente spizzicata vecchia di qualche mese) BAAAAM warning per shields segnate, un quarto d’ora di discussioni per controllare il mazzo e cambiare una decina di shields corro a destra e a manca per trovarne alcune compatibili da sostituire sfioro il game loss ma l’arbitro si rende conto che non c’e’ alcun intento illecito nelle shields un po martoriate e mi fa finire il match ma sono nel pallone e faccio alcuni errori, lui scende 3 rock  e lo perdo. Siamo 1 a 1 e devo mettere delle shields nuove di zecca (che devo ancora pagare tra l’altro al buon Giuseppe della Fumetteria C4). Io l’arbitro e Birtino ci sediamo in un tavolo a parte e facciamo il nostro bel giochino a sostituirmi tutte le bustine. Rivestito il deck lo affronto per la terza. Il match e’ molto equilibrato ma vede meno gideon, di contro io infilo un Tasigur a tradimento di quinto turno mentre gioco anche un talismano per esiliargli una creatura, e’ l’accellerazione che mi basta a soverchiarlo numericamente e a portarmi in finale.

Il Re degli Abzan
Ci splittiamo 56 buste di montepremi totale e ci giochiamo solo l’accesso al region ptq. Indovinate un pò il mio avversario gioca Abzan, nella sua lista più classica in assoluto, quella che più di tutte è comparsa nelle top di siti come Metagame o Magicfriends. Imposto subito il mio piano ma dopo un pò l’arbitro mi convince che farlo morire di vecchiaia non e’ una buona tattica quindi vado per il piano B e cerco di soverchiarlo di creature Urza guarda il mio mazzo e dice “I Rhino sono cosa buona e giusta” e me ne fa pescare tre di fila. Nessuno regge una martellata simile andiamo alla seconda. Come al solito il mio avversario mette una dozzina di carte di side, io sono quasi tentato di fare un cambiamento ma ancora una volta me ne fotto e non cambio nulla. Partiamo subito calando anafenza insieme, io ne ho un altro in mano e cosi quando lui attacca vado per il cambio ma è una leggerezza, lui infatti ha un monile e il suo anafenza diventa 6/6 e resta in campo come grosso problema. La situazione sembra critica, poi pesco un Gideon un po abbronzato e con una camicia hawaiana, “Chi si vede” faccio io, “Haloa” risponde lui sputando a terra un cavaliere 2/2.
Per la prima volta in tutto il torneo riesco a giocare attivamente il planeswalker che inizia una schermaglia con il reciproco (immancabile) dell’avversario accompagnato dall’altro mio anafenza e da un rhino, poi mi invento un bel trick animando una shambling vent con il suo stesso mana e sfruttando il comando per farla lottare contro la sua anafenza 6/6 bloccata dalla mia 4/4. E’ una mossa che che il mio avversario non si aspettava minimanete e che rompe l’equilibrio mantenuto fino a quel momento, a ciliegina calo un Kytheon berasaglio perfetto per una sua ferita autoinflitta. Ho nuovamente la superiorità sul campo e mi intasco la vittoria.

“Chissà perchè il tuo abzan non va, forse non lo sai giocare…” cit Birtino
Accedi oppure Registrati per commentare.